sabato 26 novembre 2011

I mille usi del bicarbonato

 

Previene e neutralizza gli odori: 
nel frigorifero 
nella lavastoviglie 
nella pattumiera

Deodora frigorifero e freezer… Molti degli odori sgradevoli presenti nei nostri 
frigoriferi e freezer nascono sia da sostanze acide, come il latte,  che basiche, come il 
pesce; il Bicarbonato si lega alle molecole di questi alimenti presenti nell'aria, e le neutralizza.  
Modalità d’uso:
per  contrastare gli odori, basta mettere una ciotola aperta di Bicarbonato nel frigorifero o nel freezer.  
La ricomparsa degli odori può dipendere da un superlavoro del prodotto, che ha esaurito le sue proprietà. In tal caso il prodotto dovrà essere sostituito con maggiore frequenza.
In lavastoviglie
Modalità d’uso: 
per prevenire odori sgradevoli, spargete direttamente sulle stoviglie sporche un’abbondante quantità di Bicarbonato e avviate il ciclo di pre-lavaggio. Per  aumentare l’efficacia dell’abituale detersivo,  sarà sufficiente aggiungere 2 cucchiai di   Bicarbonato durante il ciclo di lavaggio. 
Per  deodorare e sgrassare la lavastoviglie, aggiungete periodicamente il Bicarbonato
(100 g una volta al mese) a vuoto nella fase di risciacquo della lavastoviglie, garantendo così un buon 
mantenimento dell'apparecchio. 
Per completare l'opera, combinate l'azione del Bicarbonato con  la pulizia del filtro, almeno 15 giorni.     

La pattumiera
Il Bicarbonato è in grado di prevenire i cattivi odori anche nel secchio delle immondizie.


E’ ideale per detergere: 
frutta e verdura in modo sicuro  
pentole e stoviglie senza sforzo 
superfici delicate senza graffiare 

Elimina impurità da frutta e verdura 

Per rimuovere impurità, cere ed altri eventuali residui, ricordatevi di lavare a fondo frutta e verdura con acqua e Bicarbonato prima di portarle in tavola. 

Modalità d’uso:
per  detergere verdure a foglia o frutta a buccia delicata (fragole, ciliegie, uva, ecc.), immergetele in una soluzione equivalente a 1 cucchiaio di Bicarbonato per ogni litro d’acqua, e lasciatele a mollo per almeno una decina di 
minuti.   
Sciacquate poi con abbondante acqua corrente. 
A riprova dell’azione del prodotto, dopo qualche minuto, si sviluppa nell’acqua una leggera opalescenza. 

Ideale per il prelavaggio di padelle e pentole.
  
L’azione delicatamente abrasiva e le proprietà ammorbidenti del Bicarbonato, ne 
fanno un ottimo alleato in cucina. Pentole e padelle tornano lucenti e perdono i cattivi odori se pulite con il Bicarbonato
Una soluzione efficace, economica ed ecologica
Modalità d’uso: 
per  rimuovere senza sforzo le incrostazioni, ricoprite direttamente i residui  di cibo con il Bicarbonatoaggiungete dell’acqua calda e lasciate agire il prodotto per almeno 15 minuti.  
Sciacquate, quindi lavate come di consueto.  
Per le incrostazioni più ostinate:
sfregatele con una spugnetta cosparsa di Bicarbonatoe acqua. Sciacquate, quindi lavate come di consueto.  
Oppure riempite la pentola con acqua e 2 cucchiai  di  Bicarbonatoportando la soluzione ad ebollizione per 5 minuti. Lasciate raffreddare e staccate i residui aiutandovi con una spugna.
                             
Lucida il lavello senza graffiarlo 

I cristalli del Bicarbonato, al contrario di altre polveri presenti in alcuni 
prodotti per la pulizia, sono solubili e quindi non sufficientemente resistenti per 
graffiare le superfici.  
La detergenza del lavello può quindi essere effettuata anche quotidianamente. 
Modalità d’uso: 
per  rimuovere dai lavelli smaltati o in acciaio residui di cibo e opacità, passate la 
superficie con una pasta di acqua e Bicarbonato su una spugna.

Sciacquate abbondantemente con acqua corrente. Asciugate bene per prevenire la formazione di eventuali aloni.  
Per prevenire gli odori di umidità che si formano sotto il lavello: riponetevi una 
ciotola di Bicarbonato aperta, da sostituire ogni 3 mesi. 

Aggiunto al normale detersivo per piatti, ne aumenta l'efficacia e svolge un' azione di rimozione degli odori residui. Legandosi con i residui delle sostanze acide e basiche, che provocano i cattivi odori, il Bicarbonato riesce ad annullarli.  
Modalità d’uso:  
aggiungete 2 cucchiai di Bicarbonato all’acqua del lavaggio. 
Oppure utilizzatelo sotto forma di pasta (1 parte d’acqua ogni 3 di prodotto) da sfregare con una spugna su stoviglie, piatti e taglieri. Sciacquate e lavate come di consueto. 
  
Cosa c'è di meglio di un prodotto ad uso alimentare per pulire le superfici che vengono quotidianamente a contatto con i cibi?  
Pulisce a fondo piani cottura e superfici lavabili 
Senza dimenticare poi che le vostre mani ringrazieranno. 

Modalità d’uso: 
per rimuovere i residui di cibo e unto dalla superficie del piano cottura o neutralizzare l’odore di aglio e cipolla, è sufficiente spargere il Bicarbonato
direttamente su una spugna umida. Strofinate e quindi sciacquate con acqua.  
Per la pulizia del forno, del microonde, degli sportelli del grill e delle superfici 
esterne degli elettrodomestici, provate una soluzione di acqua e Bicarbonato  
(2 cucchiai ogni litro d’acqua) da passare con una spugnetta sulle superfici interessate (il forno si pulisce meglio se tiepido).  
Per  neutralizzare gli odori residui dal microonde e dal forno collocatevi all’interno 
una scatola aperta o bucherellata di Bicarbonato fra la pulizia eseguita e 
il momento dell’utilizzo.  

Deterge frigorifero.

Modalità d’uso: 
per detergere e neutralizzare gli odori dalle superfici interne del frigorifero e del 
freezer è utilizzabile in soluzione:
di 2 cucchiai in 1 litro d’acqua da passare con una spugna sulle 
pareti. Risciacquate, quindi asciugate. 
Oppure immergete i contenitori in plastica per una mezz’ora in una soluzione 
di acqua calda e Bicarbonato (di 2 cucchiai per litro d’acqua). 
Per rimuovere macchie, residui di cibo o tracce di muffa dal frigorifero e dal freezer,è utilizzabile sotto forma di pasta (3 parti di polvere e 1 
d’acqua) poi sciacquate.

Pulisce contenitori di plastica e vetro

Modalità d’uso: 
per  pulire i contenitori di aceto e olio, introducetevi una piccola quantità di 
Bicarbonato, agitateli bene per permettere al prodotto di assorbire residui di 
aceto e olio. Procedete al lavaggio. 
Per  detergere i contenitori di plastica, invece, può essere utilizzato sotto forma 
d’impasto (3 parti di prodotto e 1 d’acqua) da passare su una spugna o su 
uno straccio. Lavate poi come di consueto.

E’ un prezioso aiuto per la cottura dei cibi: 
Mantiene il colore delle verdure  
Elimina l’acidità dai pomodori 
Ammorbidisce il bollito 
Facilita la lievitazione  
Rende le bevande dissetanti  

E’ utilizzato per cuocere le verdure 

1 cucchiaino di Bicarbonato aggiunto all’acqua di cottura delle verdure è 
utile per: 
mantenerne il colore; 
evitare che l’odore sgradevole del cavolfiore; 
togliere il sapore amaro da rape e ortaggi; 
per rendere tenero il cavolo ed evitare che 
scuocia. 
Elimina l’acidità della salsa di pomodoro 

Modalità d’uso: 
per rendere meno acidula la salsa, può essere utilizzato al posto dello zucchero. 
Basta aggiungere la punta di 1 cucchiaino durante la cottura.  
E’ adatto sia per le salse e i sughi in scatola, che per le conserve fatte in casa. 

Ammorbidisce il bollito 
Modalità d’uso: 
per  rendere tenera la carne aggiungete ½ cucchiaio di Bicarbonato  ogni litro d’acqua all’inizio cottura. 
  
Facilita la lievitazione 

Il Bicarbonato è utilizzato come agente promotore della lievitazione nella preparazione di dolci e  prodotti da forno, per  renderli soffici e fragranti. Infatti quando viene riscaldato o a contatto con sostanze acide, rilascia anidride carbonica che fa sì che la pasta si gonfi, diventando soffice e porosa.  
Attenzione: il Bicarbonato non sostituisce il lievito. 

Un pizzico di Bicarbonato è inoltre utile per: 
ottenere frittate più soffici (la punta di un cucchiaino ogni 3 uova); 
ottenere una maggiore leggerezza del purè (aggiungendolo al momento di montarlo); 
aggiunto agli sciroppi, ne previene la cristallizzazione. 
E’ un ingrediente nella preparazione di bevande dissetanti.  

Modalità d’uso: 
per  aumentare la limpidezza del tè, aggiungete un pizzico di Bicarbonato nella teiera durante l'infusione.    
Per  ottenere  una  bibita  frizzante  e ridurne il grado di acidità, aggiungete ½ 
cucchiaino di Bicarbonato a 1 bicchiere di succo d’arancia, pompelmo o 
limone. 

Nessun commento:

Posta un commento

Pane al kefir fatto in casa

Qui vi metto il video  http://youtu.be/cR4RjVfYa9A